Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Percorso

Notizie

Due giugno 2015

Scritto da Bonan Giacinto
Siamo stati obbligati a festeggiare l'unità d'ITALIA una conformazione geografica che non sara` mai unita. Per l'utopia dei Savoia, e di tutti quelli che li anno succeduti. Continuano a dirci che l'Italia e` una e indivisibile, quando in realtà e`sempre stata  e continua ad essere DIVISA. Nei salotti televisivi, alle trasmissioni in diretta, si sentono i moderatori e gli invitati che esprimono a gran voce l'orgoglio della loro appartenenza Regionale ( anche se già` fortemente marcata dal loro accento ) io credo che questo sia positivo, se consideriamo che quasi tutte le Regioni che compongono il nostro paese erano state indipendenti e sovrane. Tuttavia se l'orgoglio di appartenenza lo esprime un cittadino del meridione d'Italia viene applaudito, se invece a farlo e` un cittadino del nord, oppure un Veneto allora e razzista.   
Noi Veneti, ora come  allora  non abbiamo avuto niente da festeggiare, la penisola Italica esisteva da millenni con molti stati e staterelli, ducati e repubbliche indipendenti e sovrane, governati  da regnanti o da altre forme di governo, tutti liberi di allearsi ad altri  o di combattere a difesa della loro identità.

Leggi tutto: Due giugno 2015

70° anniversario dell'olocausto

Scritto da Bonan Giacinto
Un giorno per ricordare la barbarie del genere umano,  molti sono stati i genocidi perpetrati per motivi razziali, ideologici, religiosi, o di altro genere, il più ricordato e` quello del popolo Ebraico, non possiamo dimenticare quello del popolo Armeno o lo sterminio di 22 milioni di Russi che per questioni personali o ideologiche contestavano il regime Stalinista senza trascurare le persecuzioni in corso in Africa o in Asia contro i Cristiani che vengono ignorate o appena segnalate, per la cronaca e cosi il potere politico o religioso dei giornalisti si dimostra prevalente alla giustizia sociale. RIFLESSIONI: la Libia era un paese Arabo tra i più  sviluppati e moderati, l'Italia nel tempo era riuscita a raggiungere ottimi rapporti di collaborazione, sia per i flussi migratori sia per gli scambi commerciali, ma tutto ciò sembra non fosse di gradimento agli U.S.A. alla Francia all'Inghilterra e alla Germania, cosi che con un intervento militare ben presto abbiamo rovesciato il regime di Gheddafi (con la complicità del nostro Governo fantoccio), facendo spazio ai rivoluzionari e ora ci troviamo con l'I.S.I.S. alle porte di casa nostra.

Leggi tutto: 70° anniversario dell'olocausto

Storielle Italiane che continuano a ripetersi all'infinito

Scritto da Giacinto Bonan
La corte dei conti ha scoperto che all'interno della sanità Campana ci sono 523 primari in piu del dovuto, in qualche caso ci sono piu primari che posti letto; senza alcun dubbio l' ammalato Campano dovrebbe essere tra i piu tutelati al mondo, (sembra non sia cosi).
Ecco che tagliare la spesa pubblica non significa privare i Comuni dei fondi necessari per il funzionamento, sono gli sprechi che devono essere tagliati, bisogna applicare i costi standard a tutti i Comuni, Provincie, Regioni, alle aziende socio sanitarie locali, disciplinare la raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani, e che ogni Regione abbia la raccolta differenziata e sia attrezzata con gli impianti adatti alla gestione del rifiuto indifferenziato, evitando di buttare tutto in discarica creando le cosi definite terre dei fuochi. Con la speranza di non vedere piu montagne di spazzatura lungo le strade, e l'esercito Italiano che svolge il lavoro di netturbino; che per un paese che ritiene di essere civile, e` uno spettacolo umiliante, specialmente se pensiamo che con internet qualsiasi notizia può fare il giro del mondo in pochi minuti.

Leggi tutto: Storielle Italiane che continuano a ripetersi all'infinito