Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Percorso

Notizie

L'evoluzione: da girotondini a sardine

Scritto da Giacinto Bonan

Cera una volta il movimento dei Girotondini dopo anni sono nati i Grillini seguiti a distanza sono nati i Gretini i quali dopo l'accoppiamento tra i grillini e i P.Dini sono nate le Sardine, pronte per cibare i salmoni, i quali saranno inghiottiti dagli squali della sinistra. Povera gioventù (sto perdendole speranze) non si accorgono di essere usati dai soliti falchi falliti; che hanno fatto fallire tutti i paesi che sono caduti nella trappola del pensiero unico.
Tutte le manifestazioni sono legittime, anche se quella delle sardine dimostrano di essere un po anomale; mi spiego: dal Cile a Hong Kong al Venezuela al Sudan al Iraq all'Egitto alla Catalogna al Libano al Ecuador, i popoli hanno protestato contro il governo dei rispettivi paesi, rivendicando più libertà più diritti e più servizi. Hanno detto basta alla corruzione, cioè tutte richieste condivisibili, mentre le nostre sardine manifestano contro il leader dell'opposizione, un'anomalia tutta nostrana.

Leggi tutto: L'evoluzione: da girotondini a sardine

Guardiamoci intorno

Scritto da Giacinto Bonan

L' ambiente non ha bisogno di eroi, ma piuttosto di un popolo che si assuma le proprie responsabilità, cambiando i modi di pensare e agire senza scarica barile, ma semplicemente riciclando il piu possibile per arrivare in fretta a RIFIUTI ZERO. Da tempo siamo a conoscenza del problema; serviva proprio sfruttare l'innocenza di una povera ragazzina per far conoscere un grande problema? Non sarebbe stato meglio organizzare in tutte le Regioni--Provincie e Comuni la raccolta differenziata invece di trascinare in tutte le città una marea di giovani e buontemponi a formare cortei per sensibilizzare la popolazione sulle condizioni di madre terra? Sfilando nelle strade dei capoluoghi e della capitale la quale era già piena di rifiuti indifferenziati? ( che vergogna per Roma Capitale e i suoi abitanti.)

Leggi tutto: Guardiamoci intorno

La povertà crea povertà miseria e sudditanza

Scritto da Giacinto Bonan
In Italia sembra si stesse meglio quando si stava peggio. Non è un gioco di parole ma purtroppo è una realtà; prima che il paese fosse omologato dal cattocomunismo, ciòè quando c'era ancora il muro di Berlino e i democristiani da un lato con i comunisti dall'altro lato, l'economia del paese continuava a cresc'ére il lavoro non mancava i giovani trovavano lavoro e il debito pubblico era al 60% sul prodotto interno lordo.
Fin da allora si incominciò a parlare (sottovoc'é) di compromesso storico, da allora ebbe inizio l'era di Bettino Craxi, iniziarono i prepensionamenti, ed ecco che il debito pubblico balzò all'84% del P.I.L. Il debito continuava ad aumentare raggiungendo con il governo Dini nel 1995 il 121.5%, per poi sc'éndere al 106% nell'anno 2008; considerato che in quel periodo le entrate de paese continuavano ad aumentare; quello sarebbe stato il momento di diminuire il debito pubblico, invec'é non abbiamo approfittato del momento che sarebbe stato il piu opportuno per abbassare il debito considerato che qualche anno prima c'era stato un prelievo forzato dai conti correnti dei cittadini, per poter entrare a pieno titolo nell'area Euro essendo stati già allora un paese con l'economia traballante.
Il Regno unito avendo la sterlina tra le valute piu alte era rimasto fuori dall' Euro; noi considerata la debolezza della nostra economia dovevamo rimanere fuori dall'Euro proprio perché avevamo la lira tra le valute piu basse, grazie a quello il nostro manufattoriero riusciva a fare affari buoni con gli stati membri, purtroppo i megalomani ci hanno portato alla rovina. Io seppur con una scolarizzazione modesta, ma con un'esperienza maturata in altri stati, già nel 1990 chiacchierando con un gruppo di amici dissi che le cose si stavano deteriorando e che eravamo governati da persone con la testa nel sacco (nello stile dell'America latina) e perciò il paese avrebbe raggiunto la bancarotta; qualcuno tra i presenti, mi ha risposto che essendo stato per troppo tempo all'estero non capivo niente dell'Italia. Qualche buontempone era convinto che i tedeschi ci ripianassero il debito, e invec'é abbiamo dovuto contribuire per salvare le banche tedesche in quanto si erano esposte troppo con la Grecia, mentre noi ora ci dobbiamo arrangiare da soli e come se non bastasse, ora ci vogliono far pagare 3 miliardi e 500 milioni qualora sforassimo il 3% con il debito pubblico, un detto locale recita: becchi e bastonati.

Leggi tutto: La povertà crea povertà miseria e sudditanza

Ogni elettore crede di vivere in un paese democratico

Scritto da Giacinto Bonan
Sbagliato: tutti i partiti continuano a dichiararsi democratici e ce lo ripetono fino alla noia; ma pur troppo cosi non è, naturalmente con l' esercizio del voto il cittadino da la possibilità ai partiti di formare un governo, (se hanno la maggioranza dei voti) oppure concordando con altri partiti nel formare una coalizione di 2 o piu partiti, (in altri tempi in questo paese ce stato il pentapartito) con un programma condiviso e approvato dal Presidente della Repubblica, ( che si finge neutro) in seguito a questo il presidente del Consiglio presenta i ministri, naturalmente se questi non piacciono al presidente della Repubblica devono essere sostituiti,o addirittura suggeriti dallo stesso Presidente. Dopo di che viene presentato il programma e il nome dei ministri i quali devono piacere al Presidente della Repubblica, alla BCE e a tutti i commissari della UE alla commissione Europea dopo di che arrivano le critiche dai governi di Francia e Germania e Lussemburgo e qualche altro staterello e dei vari commissari Europei i quali non si risparmiano di offendere il nostro paese, (tali offese in altri tempi sarebbero state sufficienti per una dichiarazione di Guerra).e dopo di tutto ciò, si deve e attendere per l' approvazione del programma e del bilancio, da parte del fondo monetario internazionale e dopo questa trafila deve avere l'approvazione degli invisibili; ma non per questo meno Potenti. Ma mi chiedevo, chi ha dato il potere a questi ignoti? Scriveva qualche luminare: Le organizzazioni elitarie hanno dichiarato guerra ai popoli e alle democrazie. L'Unione Europea e` il loro quartier generale.

Leggi tutto: Ogni elettore crede di vivere in un paese democratico

La stragrande maggioranza della popolazione e` convinta che tutti gli imbrogli debbano essere puniti

Scritto da Giacinto Bonan

Non sono d'accordo che i figli i generi le nuore, i nipoti gli amici o simpatizzanti, debbano pagare per loro: se cosi fosse, la classe dirigente del recente passato dovrebbe pagare per l'impoverimento del nostro paese. Costoro pur di dimostrare all'Europa che il nostro paese aveva i requisiti per entrare nell'euro zona, hanno truccato i conti; i paesi partner pur sapendo che i nostri conti non erano in ordine, hanno fatto finta di crederci e ci hanno fatto entrare lo stesso; e fin da subito ci hanno messo il cappio al collo. La classe dirigente, cioè politici e burocrati, ha sacrificato e venduto agli amici e agli amici degli amici i gioielli di  famiglia, ossia le aziende partecipate dello stato a prezzi sotto costo. Questo pur di dimostrare di essere alla pari di altri stati europei. Ma mentre gli altri stati hanno continuato a progredire, i nostri politici hanno dimostrato di essere degli incapaci, svendendo il patrimonio pubblico, causando perdite di oltre 1000 miliardi di euro, perciò con la stessa legge che l'italica giustizia ha usato per la Lega, la usi per quei signori: sequestrino i beni dei beneficiati, parenti e affini, per rimborsare lo stato Italiano di somme ingenti tanto da ripianare il 50% del debito pubblico del nostro paese, sequestrando tutte le proprietà e conti bancari.

Leggi tutto: La stragrande maggioranza della popolazione e` convinta che tutti gli imbrogli debbano essere puniti

La fusione dei Comuni: per qualcuno rappresenta un capriccio politico di qualche sindaco, ma di fatto si tratta di una strategia, per dare continuità ai servizi al cittadino

Scritto da Giacinto Bonan

Se fosse stata proposta 20 anni fa sarebbe stata prematura.

Per i Sindaci di Povegliano, Ponzano e Villorba già il 12 di novembre del 2011 era cosa da fare al più presto possibile, proprio per continuare a dare i servizi alla cittadinanza e poter cosi accedere ai contributi Statali e Regionali per i 10 anni a seguire: 15 milioni di risparmi e contributi non sarebbero state noccioline. Con i tempi che corrono e con il continuo fabbisogno di risorse per la manutenzione ordinaria e straordinaria degli edifici scolastici e infrastrutture dei comuni.

Per Villorba e Povegliano un milione e cinquecento mila euro annui sarebbero stati molto utili. Purtroppo, invece di considerarlo un'opportunità,i consiglieri comunali all'opposizione, (e non solo dell’opposizione) hanno seminato tantissima confusione, arrivando ad insinuare che Villorba avrebbe pagato più tasse per ripianare i mutui accesi dal Comune di Povegliano. Abbiamo perfino sentito dire da una insegnante di ruolo, che Povegliano sarebbe stato più compatibile di far parte dei comuni della zona montelliana, e tante altre stupidità che non mi sarei mai aspettato di sentirle pronunciare da persone diplomate o laureate.

A quel punto l'elettorato non sapeva più cosa pensare.

Leggi tutto: La fusione dei Comuni: per qualcuno rappresenta un capriccio politico di qualche sindaco, ma di...

Gli animali domestici o amici a 4 zampe

Scritto da Giacinto Bonan

Sono convinto che gli animali debbano essere rispettati, ma non parificati al genere umano.
Confesso che nel nostro cortile di casa abbiamo 4 cani (di diverse taglie) e un gatto, faccio notare che ho dovuto recintare un'area davanti alla porta di casa, per proteggere il gatto e le tartarughe (acquatiche) da uno dei cani che e` particolarmente aggressivo. Come tutti sapranno per descrivere 2 persone che non vanno d'accordo si dice che sono come "cane e gatto". Questo va a dimostrare che gli animali tra loro non si amano. Considerato che mio genero è amante di animali, abbiamo 1500 metri quadrati di cortile pieno di altri animali tutti ben accuditi, e ogni uno di loro con il proprio istinto a seconda del loro modo di difendersi dalle aggressività degli altri, cerca quotidianamente di difendersi come meglio può e questa e` la legge della natura, fino a quando arriva il legislatore che con decreti, norme e leggi (per assicurarsi i voti degli estremisti) inventa i diritti degli animali, perciò quando viaggio in treno, rischio di sedermi dove era seduto un cane, un gatto, una scimmia, un agnellino; se viaggio in tram (rimanendo in piedi), il cagnolino della nonnina potrebbe prendermi per un palo della illuminazione pubblica e urinare sui miei pantaloni.

Leggi tutto: Gli animali domestici o amici a 4 zampe

L'invasione non e` composta da profughi

Scritto da Giacinto Bonan

Per il 90% e` composta da clandestini che si affidano a organizzazioni criminali (tutti lo sanno ma fingono di non sapere) che si fanno pagare: cioè coloro che si imbarcano devono avere migliaia di dollari per pagare il viaggio, di pochi chilometri, è sufficiente arrivare in acque internazionali, appena fuori dalle acque Libiche, e sono tutti nostri. Quando pagano migliaia di dollari per il viaggio non sono cosi poveri come qualcuno vorrebbe farci credere, e se ci sono dei minori non accompagnati c'è qualcuno che paga per loro, non abbiamo mai sentito dire che i genitori li cerchino attraverso l'Interpol o altre organizzazioni. In questi giorni si parla di rimandare indietro i non aventi diritto di asilo politico perché non provenienti da paesi in guerra (perciò migranti economici), atri sono provenienti da paesi con i quali esistono taciti accordi per lo sfruttamento di risorse naturali: cioè se li mandiamo indietro al paese di provenienza, saremo ricattati, questa dovrebbe essere la prova che ci siamo lasciati invadere, (purtroppo per noi la carità e la solidarietà è un pretesto; la verità è quella che non si dice, in certi casi sarebbe semplicemente merce di scambio).

Ed ecco che ci viene detto che dobbiamo pagare il loro paese perché se li riprendano. Tutto ciò considerato sembra che costoro siano abbandonati dal loro paese d'origine e non da noi. L'unica responsabilità che ha il nostro paese è quella di aver dato la gestione degli invasori a dei delinquenti. Si continua a dire che dobbiamo aiutare l'Africa, ma li c'è già in atto una sorta di piano Marshall, l'Africa è il continente più assistito sia in termini di aiuti umanitari che di cooperazione allo sviluppo. ma il problema è che una parte significativa di quel denaro non va a buon fine, tra corruzione dei governi e tribalismo che si alimentano reciprocamente. Bisogna smettere di buttare denaro a pioggia a popoli che non lo meritano. Tutto ciò va a dimostrare che dobbiamo aiutare solo i paesi che collaborano. In questi giorni c'è stato il problema della nave Aquarius, e mentre la gente a bordo si divertiva ballando a giocando, qualche buon tempone di giornalista (accompagnato dalla sinistra Italiana) si strappava le vesti per le sofferenze dei clandestini e sperava che ci scappasse il morto, cosi che si potesse attribuirlo al ministro degli interni Italiano. come mai che non se la prendono con gli scafisti? Che vergogna! A seguito di questi fatti, inneggiavano alla bravura della Spagna che li ha accolti; forse costoro sono appena sbarcati da un viaggio su Marte e non sanno come vengono accolti quando arrivano per penetrare a Cueta e Melilla; (territorio spagnolo) lì trovano una triplice barriera di filo spinato e coloro che riescono a superarla trovavano le pallottole della guardia Civil; Evviva la Spagna con tutti gli smemorati di sinistra.

Leggi tutto: L'invasione non e` composta da profughi

Nell'anno 1959 ho preso la valigia e sono andato in Francia

Scritto da Giacinto Bonan

Allora come ora il lavoro scarseggiava ed era mal retribuito.

Avevo 18 anni compiuti e volevo fare qualcosa per aiutare la mia famiglia (composta da Papa, Mamma mio fratello minore ed io) non eravamo poveri, semplicemente perché ci accontentavamo di quel poco che si aveva in quei tempi, ma non si intravvedeva un futuro migliore.

Dopo quasi 60 anni stiamo vivendo il medesimo dramma.

Per chi come me a suo tempo ha dovuto emigrare è deludente vedere i nostri giovani che dopo aver completato gli studi, essendosi diplomati o laureati, trovarsi nelle condizioni di doversi fare la valigia ed emigrare, accettando il primo lavoro che gli viene offerto, per potersi mantenere e nel frattempo cercare qualche impiego migliore.

Anche ora come allora, c’é qualcuno che riesce ad affermarsi e qualche altro, deluso, se ne ritorna a cas: non tutti abbiamo il senso di adattamento per certi sacrifici o umiliazioni.

Come è possibile che un paese come il nostro si lasci passivamente invadere dai popoli di altre nazioni, con il pretesto di essere rifugiati, quando tutti sanno che solo una minima parte può essere riconosciuta tale, mentre per il resto c'è di tutto e di più.

Leggi tutto: Nell'anno 1959 ho preso la valigia e sono andato in Francia

Se vogliamo imparare qualcosa dobbiamo studiare la storia, cioè partire da molto lontano

Scritto da Giacinto Bonan

Si potrebbe leggere la sacra Bibbia; li si trova un po di tutto, si apprende che certi popoli si sono spostati perché nelle tribù in cui si trovavano non c’era abbastanza spazio e cibo per tutti, e qualcuno tra loro cercava un posto migliore, altri se ne sono andati oppure sono stati cacciati via perché non volevano assoggettarsi al capo tribù, altri ancora si sono spostati a causa di eventi atmosferici, altri perché sono stati conquistati da popoli i quali li hanno soggiogati a schiavitù. Dunque i motivi sono abbastanza noti a tutti, anche se non tutti danno la medesima interpretazione. Con il passare degli anni si è capito che le pestilenze oppure il contagio delle malattie infettive era trasmesso da uomo a uomo oppure da animale a uomo. Nel secolo scorso la scienza medica ha messo a punto i vaccini così che nei paesi più sviluppati del pianeta è stata imposta la vaccinazione di massa, e grazie a queste iniziative molte malattie infettive sono quasi sparite,

Leggi tutto: Se vogliamo imparare qualcosa dobbiamo studiare la storia, cioè partire da molto lontano

I Fascisti (rossi) gridano attenti ai fascisti (neri) per mantenersi il potere assoluto

Scritto da Giacinto Bonan

Questi signori si fanno chiamare democratici ma di fatto sono comunisti, organizzano cortei e conferenze per puntualizzare le barbarie commesse dai fascisti, e non vogliono sentir parlare dei morti causati dalle barbarie dei comunisti. Senza voler fare il giro del mondo, basta e ne avanza, contare i morti durante l'impero Sovietico, i morti delle foibe nella vicina Jugoslavia, non che le esecuzioni fatte dai partigiani Comunisti Italiani: agli Italiani stessi, il più delle quali (ad oggi) sono rimaste impunite. A meno che non ci siano morti di serie a, b, c, il problema del nostro paese (per ora) non e` il ritorno del fascismo, e` piuttosto il permanere dei pendolari della politica (mi spiego) dal 1994 è nato (nel silenzio più assoluto) il partito dei

Leggi tutto: I Fascisti (rossi) gridano attenti ai fascisti (neri) per mantenersi il potere assoluto

Nostalgia di un passato ante-globalizzazione

Scritto da Giacinto Bonan
In altri tempi i bambini quando parlavano tra loro dicevano: "lo ha detto la mamma, oppure il papa`, la nonna, il nonno, la signora maestra o il signor maestro, poi si è arrivati al prof o alla prof, già con questa abbreviazione si perde parte del rispetto e della riverenza che in altri tempi era dovuta, (beati quei tempi), ora con il modernismo, siamo giunti all'estremo, cioè i genitori si sentono autorizzati di malmenare il Professore per aver rimproverato il figlio, quando in altri tempi avrebbero detto: "ha fatto bene il Professore e avrebbero ripetuto i rimproveri al figlio". Mi chiedo dov'è finita l'umiltà e il rispetto reciproco, pur troppo sempre più spesso ci troviamo di fronte a paradossi simili: ormai tutti si sentono autorizzati a pontificare, giudicare, condannare e condonare a piacimento; la società civile e religiosa ha perso la bussola ossia: se ci si esprime contro certi megafoni promotori della globalizzazione, ci viene detto che siamo razzisti; su questo capitolo ci sarebbe molto da dire.
La chiesa cattolica romana degli anni 50-60 con i sacerdoti e missionari presenti negli stati che abbondavano di emigranti Italiani, espatriati per motivi di lavoro, ci raccomandavano di prendere le distanze dai protestanti, e di non amoreggiare con loro, perché qualora ci fossimo sposti ci sarebbe stata la scomunica; mi chiedo da allora cosa è cambiato? Considerato che ora il Santo Padre ci incita a lasciarci invadere dai popoli mussulmani, predicando l'accoglienza e la fratellanza, mentre non viene chiesto a costoro di adeguarsi ai nostri usi e costumi.
Leggendo la Sacra Bibbia e il Vangelo c'è scritto di rispettare il prossimo, e il pellegrino, ma non ho mai trovato scritto che dobbiamo ospitarlo perché Tito Boeri ha bisogno di costoro per pagarci le pensioni, questi invasori piuttosto di rimpinguare le casse dell'I.N.P.S. , contribuiranno al loro svuotamento; l'unico riferimento che Gesù ci ha lasciato e quello di dare a Cesare ciò che è di Cesare, e a Dio ciò che e di Dio, cioè una divisione totale tra la chiesa e lo stato, mentre ora sta nascendo una vera e propria brodaglia, l'integrazione avviene solo quando il cittadino straniero si informa, e dimostra la volontà di pensare e agire da italiano. L'invasione è volta a impoverire il popolo italiano, ingrassare le cooperative amiche dei partiti e a sua volta finanziare la campagna elettorale dei compari, cosi da agevolare i ricconi del mondo, e schiavizzare la povera gente, privandola di gran parte dei privilegi fin ora acquisiti. Guardiamoci intorno, dal 2011 di quanto è diminuito il potere d'acquisto dell'euro?

Leggi tutto: Nostalgia di un passato ante-globalizzazione