Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Percorso

Stiamo tornando alla dittatura anche se tentano in tutti i modi di confonderci

Scritto da Administrator

Siamo entrati nella (Babele) del terzo millennio, chi detiene il potere sfacciatamente ci dice che fa tutto per tutelarci, mentendo pur consapevoli di mentire. Si lamentano perché le natalità diminuiscono, quando i veri responsabili sono coloro che ci governano, perchè proprio loro hanno perso il controllo della spesa pubblica, (creando incertezza a coloro che vivono in 4 persone con 1500 euro al mese). Considerata la perdita del valore d'acquisto dell0'euro che supera il 35% il popolo sta gradualmente impoverendo.

Gli europeisti si sono coalizzati con i politically correct non trattano l'avversario come una persona che la pensa in un modo diverso, da combattere, con ideali e programmi da proporre alla popolazione, ma ben sì per loro è un nemico che rappresenta il male assoluto da sradicare e annientare in tutti i modi. (comportandosi da veri fascisti).

Mentre loro sono andati a Bruxelles a sostenere e appoggiare gli aguzzini, (ossia quelli che in altri tempi ci invadevano e saccheggiavano) dando man forte a coloro che vogliono indurci a elemosinare, strisciando per terra come figli della gleba.

Vogliono cambiare le leggi per rafforzare il loro potere su di noi. Gioiscono quando gli smidollati (figli e nipoti loro, dichiarandosi apolitici) inveiscono contro quelli che non condividono il pensiero unico, della grande famiglia proletaria. Nutrendo la speranza di distruggere tutti quelli che non condividono i loro deliri, senza valutare minimamente che i cortei e le piazze non hanno mai risolto un singolo problema, hanno piuttosto creato aspettative e fatto spazio agli estremisti, (spacca vetrine e brucia cassonetti) di ultima generazione.

Vedono fascisti in tutti gli angoli della terra mentre i veri fascisti (rossi) sono loro. Negano di aver eliminato migliaia di cittadini Italiani, (Istriani) perché secondo loro erano fascisti, invece erano loro i boia, guidati dall'odio; semplicemente perché erano contro i cristiani credenti e praticanti, erano convinti che Stalin arrivasse a conquistare tutto il continente, anche se fino a pochi giorni precedenti l'armistizio ricevevano gli aiuti dagli americani.

Coloro che sono riusciti a scappare, (dall'Istria) per decenni hanno continuato a condannare il comportamento dei comunisti istriani, ma nessuno voleva ascoltarli per non rompere gli equilibri e torbidi negoziati, hanno continuato a negare. Ora i loro seguaci approfittano delle grandi occasioni per mettersi in mostra in prima fila (considerato che chi poteva accusarli di barbarie commesse anche nei nostri territori, sono tutti morti mentre i loro eredi, narrano solo le bravure dei veri eroi. Voglio ricordare che i partigiani di quei tempi erano solo antifascisti; e tra loro cerano democristiani repubblicani e socialisti comunisti; e come un po in tutti i gruppi spontanei c'erano anche delinquenti comuni, ladri di galline e salami, stupratori e macellai; non sono mancati nemmeno quelli che vendevano gli aiuti ricevuti dagli alleati (al mercato nero intascando i proventi).

Anche se qualcuno è stato eliminato dai partigiani onesti i quali si sono fatti giustizia da sé, perché già allora qualcuno immaginava che entro poco tempo ci sarebbe stata un'amnistia, perciò consapevoli che costoro non sarebbero mai stati puniti, e come in tutti i conflitti armati alla fine della guerra chi ha dato ha dato chi ha avuto ha avuto; Riepilogando in Russia ha vinto il freddo, in Italia, Francia e Germania hanno vinto gli alleati con l'aiuto dei partigiani e alla fine: tutti eroi, ai caduti la gloria, certo è che non pensavano che ci saremmo dovuto rendere schiavi e umiliati dai partner europei sempre pronti a calpestarci.

Sembra che l'unico a capirlo sia stato Boris Jonson, Premier del U.K.

Leggendo il quotidiano La Verità, il giornalista R.R. faceva notare che è uscito un libro imperdibile, “The New Class War” (la nuova guerra di classe) di Michael Lind. E' l'ennesimo invito a guardare in faccia ciò che di norma fingiamo di non vedere.

Secondo Lind stiamo tornando al medioevo, per lui e` evidente che siamo sucubi di una élite tecnocratica che spadroneggia, anche se mentalmente e fisicamente è sempre più asserragliata nelle sue Ztl blindate tra i grattacieli e lontane dalla realtà .
Ecco che ora e` arrivato il virus COVID-19 il quale è una mazzata per l'economia reale, ma farà ingrassare la finanza internazionale. Ed ecco che come sempre cane non mangia cane. Ma vivrà come un cane grasso e opulento.

Tornando al virus, entro un mese o un anno o due troveranno il vaccino, la povera gente o gli stati andranno ad acquistarlo, le multinazionali del farmaco faranno grandi guadagni; a meno che non siano i Cinesi i primi a produrlo, a quel punto qualcuno dirà che il gioco ha valso la candela. Sarebbe come creare l'esondazione di un fiume per poi vendere le barche.
Cari amici il mondo sta entrando in un vicolo cieco, oggi modestamente posso scrivere ciò che penso, domani? Non so, potrei essere accusato di procurato allarme, semplicemente per aver detto quello che penso. evviva la libertà fin che ce ne sarà un briciolo. Buona quaresima e quarantena.