Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Percorso

L'evoluzione: da girotondini a sardine

Scritto da Giacinto Bonan

Cera una volta il movimento dei Girotondini dopo anni sono nati i Grillini seguiti a distanza sono nati i Gretini i quali dopo l'accoppiamento tra i grillini e i P.Dini sono nate le Sardine, pronte per cibare i salmoni, i quali saranno inghiottiti dagli squali della sinistra. Povera gioventù (sto perdendole speranze) non si accorgono di essere usati dai soliti falchi falliti; che hanno fatto fallire tutti i paesi che sono caduti nella trappola del pensiero unico.
Tutte le manifestazioni sono legittime, anche se quella delle sardine dimostrano di essere un po anomale; mi spiego: dal Cile a Hong Kong al Venezuela al Sudan al Iraq all'Egitto alla Catalogna al Libano al Ecuador, i popoli hanno protestato contro il governo dei rispettivi paesi, rivendicando più libertà più diritti e più servizi. Hanno detto basta alla corruzione, cioè tutte richieste condivisibili, mentre le nostre sardine manifestano contro il leader dell'opposizione, un'anomalia tutta nostrana.

Qualcuno lo a definito un paradosso; questo nuovo movimento, dimostra di essere favorevole al governo, guidato da politici che propongono lo ius soli, propongono di fare invadere il paese da popoli che hanno dimostrato di non volersi integrare, professando una religione che predica l'odio contro i Cristiani, anche se accettano tutti gli aiuti disponibili erogati dalle amministrazioni (Cristiane) locali: mensa e trasporto scolastico, sconti sulle bollette di acqua, luce, gas, e coltivano la pretesa di avere la casa popolare e, qualora fosse negata fanno ricorso trovando sempre il giudice compiacente che da ragione a loro; come se ciò non bastasse, fanno domanda per il ravvicinamento familiare dei genitori, nonni, fratellastri, dimostrando con documenti falsificati di poterli mantenere.
Però appena hanno la residenza fanno richiesta di tutti i vantaggi possibili con tutti i certificati, facilmente ottenibili con l'aiuto dei mediatori sociali, (pagati dallo stato) perciò in molti casi viene riconosciuta l'invalidità e conseguentemente la pensione per tale invalidità, e al raggiungimento dell'età, la pensione di vecchiaia, (mantenendo la residenza) e intanto il buco sui bilanci dell' I. N. P. S. continua ad allargarsi.
La commissione Europea ordina e i governi (fantoccio) vogliono a tutti i costi eseguire senza chiedere il perché (altrimenti il grande fratello si arrabbia). Basta ubbidire senza chiedere perché o per chi. Negli ultimi 5 anni su 618 provvedimenti normativi adottati, dal parlamento Italiano,ben 187 sono di matrice Europea, imposti dalla commissione, la quale è composta da (commissari non eletti) ed è da li che nasce il vero problema. La commissione non essendo eletta da nessuno, non deve rispondere a nessuno, non avendo una faccia da esibire, non ha un cuore che batte e, direi, che ha un potere troppo simile al Soviet supremo, figlio dell'Unione Sovietica (d'altri tempi) cioè in parole povere i paesi dell'Unione sono commissariati: secondo loro il popolo non deve avere la facoltà di sbagliare, quindi deve essere ingabbiato da muri invalicabili.
Mentre loro predicano la costruzione di ponti per farci invadere e non di muri per proteggerci.
Quando c'era il muro di Berlino, eretto dalla filosofia Comunista, di stampo Sovietico, che sterminò milioni di persone che non la pensavano secondo l'omologazione, e costruì il muro perché il popolo della Germania dell'Est non avesse nessun contatto con il resto del mondo libero (per facilitare il lavaggio di cervello) e con il resto dello stesso paese diviso dal muro e dal filo spinato. In questi giorni il mondo libero ha festeggiato il trentesimo anniversario della demolizione del muro; fin qui tutto bene però il giornalismo dei buontemponi ha cercato di farlo apparire come se fosse un semplice abuso edilizio; No signori! Questo era un muro costruito dal comunismo di tipo sovietico. cioè non era stato costruito né dal nazismo, né dal fascismo. Qualcuno dice che il comunismo non ce più: è vero solo in parte, perché i comunisti sono ancora tra noi, anche se si nascondono dietro un altro nome. Considerato che il comunismo duro` per ben 75 anni (e non 12) purtroppo colpi più popoli, si estese su tre continenti; sterminò tra 60 e 80 milioni di vittime; e tutto ciò in tempo di pace, queste sono le tragedie del diciannovesimo secolo di cui nessuno vuol proferire parola, mentre il pensiero comunista continua a riempire le piazze (senza vergogna) e non finisce qui. Se si pensa alla Cina e a Cuba: giovani aprite gli occhi, il problema non è Salvini, ma la burocrazia, la scuola con certi professori, per finire con l'ultimo collaboratore scolastico tutti appartenenti al cattocomunismo: ossia né carne né pesce (ma pur troppo esca per le sardine). Ditemi il nome di una nazione amministrata dai comunisti che gode di libertà e ricchezza.
L'Europa può funzionare solo come federazione di stati sovrani, e non imposta da una commissione di banchieri volta a fare gli interessi del fondo monetario internazionale, dedito a far impoverire i popoli della terra, per riempire i propri forzieri di denaro, e finanziare i pirati del ventunesimo secolo, per invadere l'Europa, per il piano di conquista degli uomini del Bilderberg, collocati in tutti i governi del mondo (cosi detto) libero.
Se non apriamo gli occhi cascheremo in una trappola da cui non potremo più uscire. Mentre continuano a dirci che da quando ce l'Europa unita non ci sono state più guerre tra europei, ed e` vero, da un lato il Regno Unito sta uscendo dall'unione, dall'altro Francia e Germania si stanno impadronendo di tutto e di tutti gli stati Europei, dettando ordini e sbandierando sanzioni.
In altri tempi ci sarebbero stati i presupposti per una dichiarazione di guerra! evviva la sottomissione. Buone feste