Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Percorso

Gli animali domestici o amici a 4 zampe

Scritto da Giacinto Bonan

Sono convinto che gli animali debbano essere rispettati, ma non parificati al genere umano.
Confesso che nel nostro cortile di casa abbiamo 4 cani (di diverse taglie) e un gatto, faccio notare che ho dovuto recintare un'area davanti alla porta di casa, per proteggere il gatto e le tartarughe (acquatiche) da uno dei cani che e` particolarmente aggressivo. Come tutti sapranno per descrivere 2 persone che non vanno d'accordo si dice che sono come "cane e gatto". Questo va a dimostrare che gli animali tra loro non si amano. Considerato che mio genero è amante di animali, abbiamo 1500 metri quadrati di cortile pieno di altri animali tutti ben accuditi, e ogni uno di loro con il proprio istinto a seconda del loro modo di difendersi dalle aggressività degli altri, cerca quotidianamente di difendersi come meglio può e questa e` la legge della natura, fino a quando arriva il legislatore che con decreti, norme e leggi (per assicurarsi i voti degli estremisti) inventa i diritti degli animali, perciò quando viaggio in treno, rischio di sedermi dove era seduto un cane, un gatto, una scimmia, un agnellino; se viaggio in tram (rimanendo in piedi), il cagnolino della nonnina potrebbe prendermi per un palo della illuminazione pubblica e urinare sui miei pantaloni.

Con tutti i problemi che ha l'umanità, questi signori, (alcuni di loro "parlamentari" oppure ex presidenti del consiglio) non trovano di meglio da fare, tranne che dare il diritto di accesso in tutti i locali pubblici e mezzi di trasporto pubblico agli animali? Tutto considerato le colpe non ricadono sugli animali, ma su molti proprietari i quali trattano la cosa con indifferenza, senza il minimo rispetto per il resto della popolazione: ad esempio giornalmente capita che il cittadino telefona alla polizia municipale perché i cani vengono sciolti nei parchi pubblici, marciapiedi, piste ciclabili, oppure lasciano il guinzaglio lungo e non raccolgono gli escrementi, che altri cittadini, persone anziane e bambini, potrebbero calpestarli e se mai capitasse che il vigile di quartiere li sanziona, si solleva un coro di voci che grida e impreca contro l' amministrazione comunale che fa cassa con le sanzioni e come se ciò non bastasse qualora il cittadino inadempiente facesse ricorso al Giudice di Pace (magari compiacente in materia) darebbe il torto al vigile urbano.
Ecco che la maggioranza silenziosa deve continuare a subire gli abusi delle minoranze rumorose, con la compiacenza dei giornali, trasmissioni radiofoniche e televisive. Condivido il rispetto per gli animali, ma mi sapete indicare dove si trova il confine tra il rispetto e la venerazione? 
In altri tempi Domenico Modugno cantava “Il vecchietto dove lo metto” ora per il vecchietto c’è la badante o la casa di riposo, e presto il legislatore che pensa a tutto e a tutti ben proporrà l'eutanasia, cosi lentamente ci avviciniamo alla profezia di San Giovanni apostolo, certo che a noi mortali non è dato a sapere, i tempi e i luoghi, ma i segnali indicano la strada (che nessuno vuol vedere)