Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Percorso

Se vogliamo imparare qualcosa dobbiamo studiare la storia, cioè partire da molto lontano

Scritto da Giacinto Bonan

Si potrebbe leggere la sacra Bibbia; li si trova un po di tutto, si apprende che certi popoli si sono spostati perché nelle tribù in cui si trovavano non c’era abbastanza spazio e cibo per tutti, e qualcuno tra loro cercava un posto migliore, altri se ne sono andati oppure sono stati cacciati via perché non volevano assoggettarsi al capo tribù, altri ancora si sono spostati a causa di eventi atmosferici, altri perché sono stati conquistati da popoli i quali li hanno soggiogati a schiavitù. Dunque i motivi sono abbastanza noti a tutti, anche se non tutti danno la medesima interpretazione. Con il passare degli anni si è capito che le pestilenze oppure il contagio delle malattie infettive era trasmesso da uomo a uomo oppure da animale a uomo. Nel secolo scorso la scienza medica ha messo a punto i vaccini così che nei paesi più sviluppati del pianeta è stata imposta la vaccinazione di massa, e grazie a queste iniziative molte malattie infettive sono quasi sparite,

con l'eccezione di qualche caso sporadico. Ora con l'invasione di popoli del (cosi detto) terzo mondo, certe malattie sono tornate e rendo noti alcuni dati letti di recente nei quotidiani nazionali:

  • 9 casi di lebbra,
  • 700 casi di scarlattina,
  • 48885 casi di morbillo,
  • 4000 casi di tubercolosi,
  • la rosolia è aumentata del230%,
  • la sifilide del 400%,

e il nostro ministro alla sanità cosa fa? invece di mettere in quarantena gli invasori, che nel più dei casi sono i portatori, fa vaccinare i nostri cittadini. Vorrei ricordare ai buontemponi che quando i nostri emigranti arrivavano in nord America, in primo luogo venivano messi in quarantena venivano accuratamente visitati e vaccinati e se erano dichiarati sani venivano introdotti alla conoscenza degli usi e costumi della popolazione e trascorsi i 40 giorni venivano mandati a destinazione, perciò lo stato sapeva dov'erano.

Qui da noi l'invasione è nata su iniziativa di gente che fuggiva dalle patrie galere, e in parte con la caduta della cosi detta cortina di ferro; il più di queste persone sarebbero state da passare al setaccio, ma coloro che ci governavano allora, (come ora) presi da una grande spinta umanitaria, e privi di esperienza in materia, hanno creato un precedente, che a tutt'oggi non è stato superato; anzi ha creato e continua a creare una miriade di problemi, naturalmente mentre noi nativi di questo paese con pazienza attendiamo una soluzione permanente, i nuovi arrivati rivendicano diritti e insorgono creando disordini, senza dimostrare minimamente quali siano i loro doveri. Detto tutto ciò si può costatare che noi verso di loro abbiamo usato il guanto di velluto, le cooperative sociali appartenenti agli amici degli amici hanno lucrato e loro usano il pugno di ferro contro di noi; trattandoci come fossimo un popolo di aguzzini e razzisti, e invece siamo troppo indulgenti e troppo ospitali, mentre loro sono maleducati presuntuosi e si anche violenti, e stanno dimostrando di non avere nessuna volontà di adeguarsi e di integrarsi con la popolazione locale.

E’ dimostrato che se non vi è rispetto reciproco la convivenza può diventare pericolosa: siamo in presenza di persone che non vogliono farsi identificare e probabilmente hanno qualcosa da nascondere, in particolare quando fanno uso di diversi nomi e cognomi. perciò tutti coloro che non provengono dai paesi in guerra sono invasori.

Qualche buon tempone non tanto tempo fa affermava che nei barconi non transitavano terroristi e delinquenti, ora si scopre che è un'altra bugia del regime Italico: io dico che all'evidenza dei fatti tutti coloro che vogliono entrare nel nostro paese devono essere controllati scrupolosamente, e se non possono essere identificati devono essere rimpatriati senza diritto di ricorso. Altro che pagare gli avvocati per cercare i cavilli per farli rimanere nel nostro disastrato paese, con permessi umanitari e cento altre diavolerie, provate andare nei loro paesi a chiedere qualcosa, ben presto vi accorgerete che non c'è nessuna reciprocità.

Un padre che non protegge i propri figli penso possa essere definito un irresponsabile! Come vorreste chiamare un governo che spalanca le porte ai clandestini, che concede le prestazioni sanitarie gratuite a tutti gli invasori, e fa pagare il ticket sanitario agli anziani con pensioni minime semplicemente perché con i risparmi di una vita sono riusciti di farsi una casa? E lo stato Italiano (commissariato da Bruxelles) spende 1400 euro mensili per mantenere questi persone, che prima di imbarcarsi buttano via i documenti cosi da potersi liberamente dare un nome di convenienza, cancellando il loro passato, bello o brutto che possa essere.

Durante la mia permanenza in nord America, un emigrante Italiano per la metà furbone e per l’altra meta imbroglione ha chiesto lavoro nella ditta dove lavoravo io, l'impiegato gli ha chiesto il nome, non conoscendo la lingua Italiana non poteva capire il significato della parola; disse di chiamarsi Tinculo Giovanni, in quel periodo incassava anche l'indennità di disoccupazione quando è stato scoperto l'ha pagata cara la sua furbata qui da noi la fanno franca perché trovano sempre un giudice benevolo che applica le attenuanti generiche (perché poverini non conoscono la nostra lingua).

Ora si apprende che in Nigeria, le agenzie che producono passaporti falsi crescono come i funghi, per ciò arrivano con il passaporto falso, poi qualcuno che fa parte dell'organizzazione (criminale) ritira il loro passaporto per riciclarlo e usarlo per gli altri, (pur troppo i poveracci arrivano con i barconi mentre i benestanti arrivano con l'aereo) naturalmente l'invasione continua indisturbata.

Non mi stancherò mai di puntualizzare che questa invasione è stata organizzata dalle nazioni unite con i capofila come Obama, Sarkozy e altri che hanno voluto togliere di mezzo Gheddafi, per destabilizzare la Libia, (Papa Benedetto XVI lanciò struggenti appelli per la pace, ma non fu ascoltato) cosi hanno fatto spazio alle tanto conclamate primavere Arabe creando l'ISIS e centinaia di migliaia di morti e profughi, riempiendo l'Europa di disperati, mescolati con i terroristi che si vanno aggiungendo a quelli che sono già qui e già sono naturalizzati italiani, i quali invece di integrarsi come italiani si sono radicati come estremisti islamici, indottrinando i propri figli all'estremismo, rendendo felici i Giorgio Napolitano i Barak Obama (premio Nobel per la pace) e i direttori di quotidiani come Eugenio Scalfari.

Vi propongo una riflessione: quando la Libia era un paese tranquillo i cosiddetti big della terra l'hanno bombardata, ora che regna l'anarchia e il disordine sembra non interessi a nessuno. Ha ragione il presidente degli USA: le nazioni unite sono inutili e dannose, invece di risolvere i problemi della Terra, ne creano di nuovi perché sono controllati dal fondo monetario internazionale, cioè le banche d'affari, ecco perché il nostro voto vale sempre meno. Riepilogando: le monarchie per schiavizzare la gente facevano le guerre, i regimi totalitari (esempio fascismo, nazismo e comunismo) hanno fatto le guerre, la globalizzazione con benestare del consiglio di sicurezza delle nazioni, che dovrebbe fermare le guerre, invece le promuove (vedi il disordine che è stato creato in Libia e che ancora continua); durante la settimana Santa tutte le emittenti televisive hanno messo in onda dei filmati sulla crocefissione di Gesu` Cristo, dando ampio spazio agli invasori della Palestina, cioè l' mpero Romano; osservando attentamente le varie scene di quei tempi troviamo Cesare, rappresentato da Ponzio Pilato, Caifa (Sommo sacerdote) che rappresenta la fede tramandata dai Patriarchi e i Profeti, Re Erode che rappresentava il Regno di Davide; al di la dei piccoli dettagli, oltre 2000 anni dopo, ho potuto costatare che sembrava di essere in Italia sotto il dominio di Bruxelles. Rivolgo la domanda a chi mi legge; ditemi voi: è cambiato qualcosa? Io non lo vedo, se voi lo vedete battete un colpo.

Siamo talmente abituati ad ubbidire che alla fine ci sembra di comandare. Purtroppo per noi non è cosi.