Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Percorso

Nostalgia di un passato ante-globalizzazione

Scritto da Giacinto Bonan
In altri tempi i bambini quando parlavano tra loro dicevano: "lo ha detto la mamma, oppure il papa`, la nonna, il nonno, la signora maestra o il signor maestro, poi si è arrivati al prof o alla prof, già con questa abbreviazione si perde parte del rispetto e della riverenza che in altri tempi era dovuta, (beati quei tempi), ora con il modernismo, siamo giunti all'estremo, cioè i genitori si sentono autorizzati di malmenare il Professore per aver rimproverato il figlio, quando in altri tempi avrebbero detto: "ha fatto bene il Professore e avrebbero ripetuto i rimproveri al figlio". Mi chiedo dov'è finita l'umiltà e il rispetto reciproco, pur troppo sempre più spesso ci troviamo di fronte a paradossi simili: ormai tutti si sentono autorizzati a pontificare, giudicare, condannare e condonare a piacimento; la società civile e religiosa ha perso la bussola ossia: se ci si esprime contro certi megafoni promotori della globalizzazione, ci viene detto che siamo razzisti; su questo capitolo ci sarebbe molto da dire.
La chiesa cattolica romana degli anni 50-60 con i sacerdoti e missionari presenti negli stati che abbondavano di emigranti Italiani, espatriati per motivi di lavoro, ci raccomandavano di prendere le distanze dai protestanti, e di non amoreggiare con loro, perché qualora ci fossimo sposti ci sarebbe stata la scomunica; mi chiedo da allora cosa è cambiato? Considerato che ora il Santo Padre ci incita a lasciarci invadere dai popoli mussulmani, predicando l'accoglienza e la fratellanza, mentre non viene chiesto a costoro di adeguarsi ai nostri usi e costumi.
Leggendo la Sacra Bibbia e il Vangelo c'è scritto di rispettare il prossimo, e il pellegrino, ma non ho mai trovato scritto che dobbiamo ospitarlo perché Tito Boeri ha bisogno di costoro per pagarci le pensioni, questi invasori piuttosto di rimpinguare le casse dell'I.N.P.S. , contribuiranno al loro svuotamento; l'unico riferimento che Gesù ci ha lasciato e quello di dare a Cesare ciò che è di Cesare, e a Dio ciò che e di Dio, cioè una divisione totale tra la chiesa e lo stato, mentre ora sta nascendo una vera e propria brodaglia, l'integrazione avviene solo quando il cittadino straniero si informa, e dimostra la volontà di pensare e agire da italiano. L'invasione è volta a impoverire il popolo italiano, ingrassare le cooperative amiche dei partiti e a sua volta finanziare la campagna elettorale dei compari, cosi da agevolare i ricconi del mondo, e schiavizzare la povera gente, privandola di gran parte dei privilegi fin ora acquisiti. Guardiamoci intorno, dal 2011 di quanto è diminuito il potere d'acquisto dell'euro? Anche se l'allora presidente della Repubblica, ci avevano detto che i professori avrebbero salvato il paese, l'unica cosa che ci hanno fatto mancare e l'olio di ricino e il manganello, (come ai tempi del fascismo) ma non preoccupatevi, presto arriverà anche quello, specialmente se a vincere le prossime elezioni sarà il popolo di sinistra, non lasciatevi confondere dalle promesse, il pensiero sinistroide c'è nella maggioranza dei candidati alle prossime elezioni, anche se si nascondono dietro le 5 stelle imbiancate, ci vorrà ben poco per colorarle: quello che conta e` il pensiero, (che non manca) siamo fortunati fino che litigano altrimenti saremo fritti.
L'Italia e` un paese strapieno di imbecilli pluri laureati, i quali si credono di poter istruire il popolo attraverso il lavaggio di cervello a cui loro stessi si sono sottoposti e qualora fossero insegnanti o professori, ne contageranno degli altri, cosi che dovremo confrontarci con una seconda torre di babele la quale precederà la fine di questo mondo corrotto e balordo, guidato dal fondo monetario internazionale che in questi giorni ha convocato i padroni della terra a Davos per sostenere il P.D. alla rielezione, (come se dal 2011 non avessero fatto abbastanza danni) il quale con la complicità dell'Europa, delle nazioni unite, del consiglio di sicurezza delle nazioni unite, della N.A.T.O. vogliono far entrare tra gli stati uniti d'Europa anche la Turchia per proseguire con l'impoverimento del popolo bue e l'arricchimento di coloro che detengono già il 90% della ricchezza mondiale, e ora si uniscono anche i Vescovi, che presto daranno la scomunica a tutti coloro che sono contrari all'invasione che ci e` stata imposta dai buontemponi del ventunesimo secolo, i quali mi sembrano i contemporanei di Noè: mentre lui stava costruendo l'arca, lo deridevano. Da tempo sto dicendo a tutti che il cavallo di Troia sta producendo i frutti desiderati dai nemici della democrazia e della libertà, del nostro Paese e di tutta l'Europa e dei lavoratori; mentre i nostri imbecilli pluri laureati continuano ad applaudire alla stupidità totale. L' unica consolazione che ci rimane e` che ora stiamo vivendo l'inizio della fine dell'Impero del male. Vi prego non chiedetemi quanta povera gente inerme dovrà morire prima che sia conclusa questa fase!