Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Percorso

Governi che vanno, governi che vengono cosa cambia?

Scritto da Giacinto Bonan

Ditemi cosa e` cambiato? Direi niente nonostante il voto del 4 Dicembre, dopo le promesse elettorali (senza copertura finanziaria) fatte da l'ex Premier Renzi, e le grandi speranze attese dal popolo, riparte il nuovo governo con il primo impegno; la ricostruzione delle zone terremotate, credo che tutto il popolo sia  d'accordo con questo, per il resto (fatta salva la retorica)e` tutto da vedere, con questo nuovo esecutivo, che ad eccezione di qualche pedina la scacchiera e` sempre la stessa. Scrisse un folgorante saggio sulla (prevalenza del cretino) spiegando con arguto spirito di paradosso, perché in Italia i mediocri abbiano sempre e comunque la loro incredibile opportunità di carriera. Nel processo di continua degradazione che emana dal Potere, spiegava Cipolla,un mediocre sceglie sempre uno più  mediocre di lui ( in base al principio per cui non vuole avere ombra ) finché l'ultimo della fila dei precettati non e` totalmente mediocre da precettare (inconsapevolmente) uno più mediocre di lui,se poi alla mediocrità aggiungiamo la superbia il danno e` totale. 

Mai più che in questi giorni la  barzelletta si e` incarnata, basta guardarci intorno a tutti i livelli amministrativi, cioè partendo dai Comuni, alle società partecipate, alle Province, ( ora più inutili di prima e nel contempo hanno i medesimi costi) prive di fondi per gli investimenti (vedi la sicurezza degli edifici scolastici, strade, trasporto pubblico, ambiente, (che se non fosse per la buona gestione da parte di molti Comuni, ( staremo freschi) perciò costano come prima con i risultati che vediamo, e poi ci continuano a ripetere fino alla noia gloriandosi delle riforme, che al di della retorica, non portano nessun vantaggio alla gente comune. Mentre gli enti inutili non vengono toccati, anzi dalle notizie che vengono alla luce sembra che prima delle elezioni amministrative, a Roma ci siano state assunzioni per qualche migliaio di persone, sono certo che se fosse stato fatto da  qualcuno appartenente all'altra sponda politica, sarebbe stato definito voto di scambio. Auguro e auspico che con il nuovo anno, ci siano meno proclami, meno promesse, meno chiacchiere, con la viva speranza che le riforme che servono al paese vengano fatte e che siano applicati i costi standard a tutti gli enti e in tutti i campi senza privilegi a nessuno e in nessun modo; voglio ricordare agli smemorati, che i costi standard avrebbero dovuto entrare in vigore co il mese di marzo del 2012 , e per volere del presidente della Repubblica, di allora, con un colpo di stato all'italiana, sono stati rinviati dal governo Monti, da essere operativi in data da decidere, ora e` il momento giusto; sempre che il nuovo Premier non abbia il potere limitato. I precedenti Hanno preferito l'aumento delle tasse e i tagli lineari, premiando ancora una volta chi spreca ( chi lavora ha una camicia e chi non lavora ne ha due).

Certamente credo si possa dire che il nostro paese gode di molte anomalie, e in special modo Roma; nella nostra capitale si e` verificato che ci siano 2 Papi, 2 presidenti della Repubblica, 2 Presidenti del Consiglio, e una magistratura che grazie all' abolizione dell' immunità parlamentare riesce a sbarazzarsi di presidenti del Consiglio e altre cariche istituzionali a piacimento; se andiamo avanti di questo passo finiremo per riveder comparire il podestà il quale assumerà i poteri del Sindaco della Giunta e del Consiglio. A questo punto evviva il fascismo rosso, ( ma non si può usare questo termine perche e` la verità) a loro detta questo agire e` democratico, lo usava anche la ormai vecchia U.R.S.S. e abbiamo visto i risultati, speriamo di non ritornare al passato, chiamandolo futuro.

Auguro e auspico che con il nuovo anno, ci siano meno promesse, meno proclami, meno chiacchiere, con la viva speranza che le riforme che servono al paese vengano fatte e che siano imposti i costi standard, per cosi dare inizio a un vero federalismo Buone Feste