Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Percorso

15 gennaio 2016

Scritto da Giacinto Bonan
Sempre più ci vengono imposte nuove norme, nuove leggi, nuovi balzelli, nuove priorità, le televisioni ci propongono di donare per i bambini del terzo mondo, ci propongono le adozioni a distanza, ci chiedono offerte per l' UNICEF,e molte altre associazioni, e non ci viene dato da conoscere quanti soldi vengono raccolti e quanti vengono investiti a favore della la povera gente, quanto viene speso per la pubblicità  e per pagare i, (volontari), e per l'organizzazione; e alla fine quanto rimane  a favore dei bisognosi? sarebbe interessante conoscere la verità, perché solo cosi la gente potrebbe scegliere le organizzazioni più oneste, cioè quelle che fanno veramente volontariato, (perché mi risulta che siano poche)  E come se ciò non bastasse, dalle  emittenti televisive, ci viene proposto di adottare un cane abbandonato, e poi  viene imposto ai Comuni di pagare il  rifugio per i cani randagi, e la dove ci sono alcuni gatti randagi, il servizio veterinario; dichiara l'esistenza di una colonia felina (che in molti casi e` una “furbata” del proprietario dei gatti, per non farsi carico della castrazione delle femmine) e se alla stessa colonia dovesse sub entrare una “gattara” il comune e` tenuto a provvedere il cibo per i gatti; poco tempo fa circolava la voce che i comuni avrebbero dovuto accollarsi la spesa per mettere il micro CIP anche ai gatti, per fortuna lo dovrà fare il servizio veterinario regionale; comunque e`sempre pagato da un ente pubblico. Ora il governo propone di legalizzare i matrimoni civili ( o incivili ), mi chiedo; perché deve essere chiamato matrimonio, quando di fatto si tratta di un' unione civile? Credo davvero che ci si debba guardare attorno per cercare di capire dove vogliamo arrivare con la confusione che ci circonda e con i frustrati che ci governano, che con il pallottoliere in mano contano i voti necessari, sparando numeri di assunzioni e nuovi posti di lavoro (creati) per farsi rieleggere, e per assicurarsi di avere i voti a sufficienza, propongono,e passano le leggi che hanno promesso durante la  campagna elettorale e quelli di circostanza, pur di assicurarsi di essere rieletti, già tanto sanno che il popolo non si informa e assorbe tutte le comparse teatrali del premier, che con grande abilita prova ad ubriacarci con dosi massicce giornaliere di verità modificate e di orgoglio nazionale, facendoci credere che non siamo secondi a nessuno; lo ha fatto qualcuno.  prima di lui e ha mandato l'esercito in guerra con le scarpe di cartone.