Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Percorso

Due giugno 2015

Scritto da Bonan Giacinto
Siamo stati obbligati a festeggiare l'unità d'ITALIA una conformazione geografica che non sara` mai unita. Per l'utopia dei Savoia, e di tutti quelli che li anno succeduti. Continuano a dirci che l'Italia e` una e indivisibile, quando in realtà e`sempre stata  e continua ad essere DIVISA. Nei salotti televisivi, alle trasmissioni in diretta, si sentono i moderatori e gli invitati che esprimono a gran voce l'orgoglio della loro appartenenza Regionale ( anche se già` fortemente marcata dal loro accento ) io credo che questo sia positivo, se consideriamo che quasi tutte le Regioni che compongono il nostro paese erano state indipendenti e sovrane. Tuttavia se l'orgoglio di appartenenza lo esprime un cittadino del meridione d'Italia viene applaudito, se invece a farlo e` un cittadino del nord, oppure un Veneto allora e razzista.   
Noi Veneti, ora come  allora  non abbiamo avuto niente da festeggiare, la penisola Italica esisteva da millenni con molti stati e staterelli, ducati e repubbliche indipendenti e sovrane, governati  da regnanti o da altre forme di governo, tutti liberi di allearsi ad altri  o di combattere a difesa della loro identità. Ed ecco che anche allora come ora, le potenze Europee hanno creduto opportuno di concedere ai Savoia il compito di unire la penisola Italica, attraverso l'adesione volontaria, o con le armi, orchestrando tradimenti per agevolare il mercenario Giuseppe Garibaldi, (chiamato l'eroe dei due mondi ) che con i mille partendo da Quarto il 6 maggio del 1860 senza armi, perche` il carico era stato deviato altrove per essere venduto di contrabbando (già allora l'Italia era organizzata alla carlona ) a quel punto dovettero organizzare una sosta a Talamone dove era custodito un arsenale sufficiente per armare i nostri eroi, (qualche scrittore revisionista li li  aveva definiti un' accozzaglia di volontari che avrebbero dovuto inscenare una battaglia contro l' esercito borbonico) partendo da Quarto con una enorme  quantità di quattrini a disposizione del eroe dei 2 mondi, per corrompere gli ufficiali borbonici, cosi che allora come ora era stato inscenato il teatrino perfetto con la complicità dei diplomatici Brittanici i quali avevano assicurato che bastava collocare i quattrini nelle mani giuste, e la conquista sarebbe avvenuta senza colpo ferire. Naturalmente i soldati non conoscendo il complotto concordato con i loro superiori, vedendo avanzare questi con le camicie rosse  si sono messi a sparare, percio qualche scaramuccia c'e` stata, ma niente di grave, già tanto per chi ha il comando, i soldati allora come ora erano e sono considerati carne da macello. Essendo allo stesso tempo macellai e macellati. Per noi Veneti nel 1861 eravamo ancora sudditi di Cecco Beppe, a scuola ci hanno insegnato che siamo stati annessi al regno d'Italia, a seguito del referendum del 21 e 22 ottobre del 1866, referendum farsa. In realtà il 19 ottobre, cioè due giorni prima della supposta consultazione referendaria, il generale Leboeuf ministro plenipotenziario francese aveva già consegnato il Veneto al conte Michael, al Veronese Edoardo De Betta e al mantovano Achille Emi -Kelder: il tutto avvenne in una stanza dell' hotel Regina a Venezia, e il giorno dopo la Gazzetta di Venezia diede la notizia: Questa notte si e` fatta la cessione del Veneto. in realtà Francia e Impero austroungarico avevano raggiunto un accordo il 3 ottobre, quando Francesco Giuseppe aveva ceduto le terre di quella che era stata la Serenissima Repubblica a Napoleone III.In Questo paese la verità non ci viene detta mai, vengono creati degli idoli, e poi ci obbligano di venerarli, tant'è che qualche scrittore afferma che l'eroe dei due mondi, portava i capelli lunghi per nascondere l' orecchio che gli fu tagliato, essendo stato colto in flagranza del furto di cavalli in Brasile: forse neanche questa  verità` non la sapremo mai. Guardiamo ai nostri tempi cioè dal 2011 al 2015, l'Europa ci ha comisariati, ma questo non si può dire, il precedente presidente della Repubblica ha fatto archiviare il tanto atteso federalismo fiscale (che doveva essere avviato in primavera del 2012 ) ma neanche questo si può dire  l'euro ci ha impoveriti, ma nemmeno questo si può dire, qualcuno mi sa dire dov'è il rottamatore che doveva battere i pugni sul tavolo a Brukselles per far rispettare l'Italia e i suoi cittadini? E sulla pronuncia della consulta a riguardo delle pensioni,come la mettiamo? Con i 500 euro una tantum? Spero tanto che i cittadini si sveglino dal l'ubriacatura mediatica del rottamatore, qualcuno mi sa spiegare, quali profitti può trarre un disoccupato dalla legge elettorale, considerato che la dittatura Europea ci ha imposto di tagliare la spesa pubblica, quali sono i tagli che il governo ha imposto ai ministeri? Come mai che il rottamatore non applica i costi standard a tutti gli enti pubblici? Di recente la corte dei conti ha reso noto che la riforma delle provincie, non ha generato nessun risparmio, perche non ammette che il gioco non ha valso la candela? Noi della lega, stiamo dando suggerimenti da piu' di 20 anni su come procedere per sanare l'economia della nazione, pero` ogni volta che portiamo una proposta, il partito trasversale centralista per conservare il bacino di voti provenienti dalle Regioni mal amministrate vota contro, percio il paese continua ad impoverire e il rottamatore puntualmente ci racconta le fiabe. Ricordo quando e` venuto a Treviso, il presidente rottamatore, ha incontrato  sindaci, i quali chiesero l' esenzione dal patto di stabilita` (che non e` un patto ma un'imposizione) per gli interventi di messa in sicurezza degli edifici scolastici, la risposta e` stata "mandateci i progetti e i preventivi " che saranno esaminati e messi a contributo, (detto fatto)per l' adeguamento sismico della scuola Marco Polo di Villorba: preventivo 2.368.000.00.  e` stato concesso un contributo di euro 7000.00, per le scuole elementari e euro 14000.00per le scuole medie attraverso una gara CONSIP vinta dalla Manuten COOP, con il decreto scuole belle, per la tinteggiatura delle pareti esclusi i soffitti senza spostare i mobili o gli accessori, cioè una rinfrescatina. E per l'adeguamento sismico devono arrangiarsi i sindaci,  con le entrate sempre piu magre e i tagli sempre piu consistenti. Lo stesso Presidente del consiglio, durante il suo comizio a Vicenza, ripreso e trasmesso dalle televisioni,  si lamentava del' Onorevole Matteo Salvini, perche` parla male dell'Italia, tutto sommato dice quello che pensa, cioè` la verità. Quella verità` che di solito fa male, pero` quando lui dice le sue verità`modificate, prendendo il popolo Italiano per degli imbecilli smemorati, va bene naturalmente tutto quello che dice Lui dobbiamo prenderlo per buono, se continuiamo cosi manca solo l'olio di ricino e il manganello. Caro Presidente anche in politica si devono fare poche promesse  e mantenerle,  perche moltissimi cittadini di questo paese hanno la memoria buona e non si fanno abbindolare dalle chiacchiere e se Lei pensa che basti cambiare la legge elettorale per ammodernare il paese, quella serve solo a Lei e ai suoi, se pensa che bastino questi pagliativi, si sta sbagliando di grosso, dovrebbe trovare il coraggio di abolire gli enti inutili e mettere mano ai mega stipendifici dello stato cioè` i ministeri, che continuano ad assumere, senza mettere a confronto la differenza dei dipendenti presenti nelle pubbliche amministrazioni del meridione, a volte 1 a 3,  mentre nei comuni del nord e` possibile assumere un dipendente, solo dopo che tre sono andati in pensione,     Leggendo uno studio fatto dell'Università` Bocconi di Milano si evince che lo stato centrale e il maggior contribuente del debito pubblico, ( cioè` del 92% ) se lo so io senza dubbio lo sa anche Lei mi sa dire come mai non e` stato fatto niente in merito? Forse i partiti centralisti perderebbero troppi voti? Per esempio questo potrebbe essere l'unica riforma strutturale che ci porterebbe fuori dal guado ma credo che neanche Lei avrà il coraggio di farlo. E cosi continueremo ad essere commissariati dalla U.E.
Questo messaggio e` volto a tutte le persone che non si sono fatte ubriacare dalle chiacchiere, mentre per il restante non c'e` speranza percio sono responsabili tanto quanto il loro amato presidente del consiglio. Un altro breve messaggio, se diamo uno sguardo al problema della Grecia, ci accorgiamo che il nostro problema e` pressoché  analogo, l'unica differenza e` che il nostro governo continua a tagliare mentre il loro non sa piu dove tagliare.